THE LONE RANGER (2013)

the-lone-ranger10FILM (di G.Verbinski)

THE LONE RANGER ● WALT DISNEY PICTURES

La recensione che state per leggere ci è stata gentilmente offerta da MrMettiu, benché TCC abbia contribuito a puntualizzare alcuni aspetti che riteneva maggiormente importanti rispetto al nostro collega/amico/collaboratore.

John è un avvocato, cresciuto a pane e Locke, tornato nel West per consegnare alla legge il ricercato Butch Cavendish. Durante una spedizione un’imboscata uccide suo fratello Dan e gli altri Ranger. John, ultimo Texas Ranger, viene salvato dall’indiano Tonto e si trasforma in un improbabile eroe mascherato, deciso a ristabilire la Giustizia.

“Squadra che vince non si cambia”. Sembra essere questa la filosofia della Disney per puntare a un incasso alto in questi tempi non propriamente rosei per il mondo del cinema. Non è infatti difficile leggere dietro ad alcune scelte di casting (Depp in primis) ma anche di team (Hans Zimmer per la colonna sonora) un tentativo di ripetere il successo leggendario della saga sui bucanieri. Le nuove leve (Hammer, Wilson, Wilkinson, Fichtner) si integrano nel gruppo senza troppi problemi, anche vista la loro brillante carriera.

Anche lo stile narrativo risente molto dell’esperienza caraibica, o- smettendo una buona volta di confrontare il film con Pirati dei Caraibi– della struttura narrativa di Rango; ma apporta la novità del racconto in flashback, ottenendo una meta-narrazione che risulta talvolta scomoda da seguire (anche a causa degli episodi di racconto nel racconto nel racconto). La sceneggiatura riflette il problema principale del film: ci si prova a slegare dal pattern dei Pirati, ma allo stesso tempo si teme il distacco, fiduciosi che la “copia” otterrà lo stesso successo dell’originale. Si realizza così una pallida e sbiadita imitazione, ma che risulta comunque apprezzabile e con i suoi punti di forza.

Un film adatto a tutti, capace di farci riflettere – in una società sempre in corsa verso il futuro – sulla delicatezza con cui va trattato il progresso, dimostrando quanto possa essere pericoloso e facilmente strumentalizzato se gestito da uomini senza scrupoli e senza valori. E’ al contempo però difficile pensare che questo spunto accademico possa essere stato celato dal regista nel film in attesa di essere scoperto da uno spettatore particolarmente sensibile.

Verdetto: ▲▲

Reviewed by MrMettiu e I.B.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...