ESSERE JOHN MALKOVICH (1999)

john_malkovich4FILM (di S.Jonze)

BEING JOHN MALKOVICH UNIVERSAL

Essere%20john%20malkovichCraig Schwartz (John Cusack), burattinaio in costante ricerca di un’occupazione stabile dopo i miseri tentativi di fare della propria arte incompresa un mestiere, trova finalmente un comodo lavoro d’ufficio. Scopre per caso, nascosto dietro ad una cassettiera, un tunnel che porta chiunque vi entri nella mente di Malkovich, il che spinge Craig a mettersi in affari con la collega di cui si è recentemente invaghito offrendo al pubblico la possibilità di vivere il mondo attraverso gli occhi di una star del cinema di fama mondiale.
Il film di Spike Jonze, qui al suo debutto, si rifiuta categoricamente di appartenere ad un genere definito. Si presenta piuttosto come un accurato studio del regista sull’accettazione del proprio essere (come testimonia la tagline del poster) e sull’amore, che in una cornice sinistra e vagamente comica, e quel 7 1/2 piano ne è l’immagine più emblematica, riesce a portarci dentro le menti dei protagonisti, non soltanto in quella di Malkovich. Cusack, si scopre fin dai primi minuti, è l’eroe frustrato soffocato dalle sue stesse ambizioni, la Keener (nei panni della collega) è una perfetta arpia opportunista e la Diaz (quasi irriconoscibile mentre interpreta la moglie di Cusack) contribuisce a rendere ancor più estenuante la vita del protagonista.
I temi in cui sfocia la vicenda, senza però mai giungere a conclusioni affrettate, sono quasi tabù (come la transessualità), fintanto che ci viene presentata una versione decisamente laica e materialista della metemsicosi.
Ma l’ammettere che i temi trattati non riguarderanno gran parte degli spettatori e il chiarire che la follia unica dell’opera è una caratteristica imprescindibile del film stesso non servono a spiegare fino in fondo il patetico ma umano comportamento dei personaggi. Spesso non capiamo l’implicazione tra cause e dirette conseguenze (soprattutto nel modus pensandi dei personaggi), ma contemporaneamente è in qualche modo impossibile non coglierne un filo logico.
Essere John Malkovich
vanta un cast d’eccezione che assicura allo spettatore un’esperienza senza pari. Rimane, pur essendo tutt’altro che violento, un’opera forte che non può e non deve lasciare indifferenti. La stessa interpretazione di Malkovich, naturale e perfetta, che piaccia o meno, ci fa capire quanto questo film sia uno tra i più ambigui mai girati, con un finale che vi farà discutere per giorni.
Alcuni lo ricorderanno come una cocente delusione, ma saranno in molti a riconoscerne i tratti geniali.  Anche a distanza di 15 anni dalla sua uscita, in un universo cinematografico dominato dai cinecomics, dai remake e reboot vari, Essere John Malkovich rimane un’opera originale e sorprendente.

Verdetto: 4/5

Reviewed by I.B.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...