Quando vinci tutto, ma non il premio per cui rimani nella Storia…

86th Annual Academy Awards - ShowQuando vinci tutto, o quasi, ti prepari ad essere inserito di diritto come il film dell’anno. Ieri notte (5.30 ora italiana), al Dolby, Gravity portava a casa 7 premi su 10 nomination e insidiava la vittoria come miglior film al 12 Anni Schiavo di Steve McQueen. Poi, quando l’annuncio finale recita a favore della storia più drammatica e commovente dell’anno, non sai più cosa pensare: meglio aver fatto razzia di premi tecnici o essersi aggiudicato il più importante, quello che ti fa rimanere nella Storia come un Schindler’s List o un Titanic? Forse il regista Alfonso Cuaron se lo è posto l’interrogativo stanotte, o forse era troppo felice per la sua vittoria come regista (ampiamente pronosticata dal sottoscritto e dal mio collega MrMettiu) per invidiare anche solo per un attimo quel folto gruppo di star e neo-star hollywoodiane (Brad Pitt, Benedict Cumberbatch, Paul Dano, Steve McQueen, Chiwetel Ejiofor, Lupita Nyong’o e Michael Fassbender) che, sorridenti ed entusiaste, si facevano applaudire dal pubblico di una serata che, sotto il profilo dello show business, è stata imbarazzante.

Lo scorso anno, con una mossa mai così politica, la First Lady Michelle Obama proclamava Argo come vincitore: immagini che rimangono nella Storia dell’Academy. Qualcuno ricorda quella caduta della Lawrence mentre andava a ritirare il premio per Il lato positivo. Poi in realtà, sono in pochi a ricordarsi che quel geniaccio di Ang Lee è stato l’unico regista a vincere il premio due volte nel ventunesimo secolo (Vita di Pi e Brokeback Mountain). E ora, chi di noi si ricorderà il prossimo anno a quest’ora della straordinaria odissea spaziale di Cuaron, che fino a ieri era visionario e oggi è un vero “winner”?

Annunci

4 risposte a “Quando vinci tutto, ma non il premio per cui rimani nella Storia…

    • Contrariamente a quanto ti aspettavi avevo previsto la vittoria di Cuaron come regista, soprattutto per la rivoluzione tecnica che Gravity rappresenta. Su DiCaprio non penso che lui possa avere questa smania di arrivare all’Oscar: Gary Oldman, Christopher Nolan, Alfred Hitchcock, Donald Sutherland ecc…sono tutti protagoniste di indimenticabili carriere senza Oscar!

      • Hai ragione, Di Caprio é in buona compagnia: ci sono tanti grandissimi attori che non hanno mai avuto la statuetta che meritavano. In una Top 20 oltre a lui metterei (tra parentesi gli anni in cui sono stati candidati all’ Oscar):

        Amy Adams (2006, 2009, 2011, 2013, 2014)
        Helena Bonham Carter (1998, 2011)
        Lorraine Bracco (1991)
        Kenneth Branagh (1990, 1990, 1993, 1997, 2012)
        Don Cheadle (2005)
        Glenn Close (1982, 1983, 1984, 1987, 1988, 2012)
        Tom Cruise (1989, 1996, 1999)
        Viola Davis (2009, 2012)
        Johnny Depp (2003, 2004, 2007)
        Michael Fassbender (2014)
        Albert Finney (1963, 1974, 1983, 1984, 2000)
        Woody Harrelson (1997, 2010)
        Bob Hoskins (1987)
        Samuel L. Jackson (1995)
        Ian McKellen (1999, 2002)
        Nick Nolte (1992, 1999, 2012)
        Edward Norton (1997, 1999)
        Joaquin Phoenix (2001, 2006, 2013)
        Max Von Sydow (1989, 2012)

        Ci sono poi 3 casi ancora più clamorosi, perché non solo non hanno un Oscar in casa, ma non hanno mai avuto nemmeno l’ onore della nomination: John Goodman, Harvey Keitel e Martin Sheen. Misteri di Hollywood. Grazie per la risposta,e complimenti per aver azzeccato il pronostico su Cuaròn! : )

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...